venerdì 18 gennaio 2008

I Nuovi Mostri / 38

Il Presidente Atomico

Alcuni estratti dal mitico viaggi di Giorgino Bush in Medio Oriente, dove non si è fatto perdere il buon vizio di ineggiare alla libertà e democrazia (valori che ha nostro riguardo non gli riguardano) e ad attaccare l'Iran (ormai diventatà per lui una pura ossessione) mentre lui e Sarkozy vendono ai paesi limitrofi armi e nucleare... Purchè non lo faccia l'Iran... Mah! Non mancano delle sue perle di saggezza, buona lettura:

Bush a Riad: Armi per 20 Miliardi di Dollari - L'Amministrazione Bush ha presentato ieri al Congresso l'accordo che prevede la vendita ai sauditi di una partita di armi per oltre 20 miliardi di dollari. L'arrivo del piano alla valutazione del Parlamento è coincisa con la visita del presidente statunitense a Riad, nel tentativo di convincere l'alleato arabo a collaborare alla strategia di isolamento internazionale dell'Iran. (15 Gennaio 2008 / Il Sole 24 Ore").

"Dio mio, Dio mio, che questa canzone non finisca mai...." (Bush in visita al memoriale dell'Olocausto).

"Spero che se molti nel mondo verranno in questo luogo, sarà da ammonimento che il male esiste e che se il male viene individuato, bisogna resistergli". "Di fronte ai tremendi crimini contro l'umanità gli animi coraggiosi, giovani e vecchi, devo restare saldi davanti a ciò in cui credono". (Bush in visita al memoriale dell'Olocausto).

"Perchè non abbiamo bombardato Austwitz". (Bush in visita al memoriale dell'Olocausto). ?!?!?!?!?

Il retroscena. Ieri sera ci sono stati momenti di suspence durante una cena offerta da Olmert: il segretario di stato Condoleezza Rice ha passato un biglietto al presidente degli Stati Uniti George Bush che le sedeva vicino. Dopo alcuni istanti di riflessione, Bush ha deciso di condividere con i commensali il contenuto del messaggio: "Mi dice di chiudere la bocca" ha precisato, fra le risate generali. Il motivo? Bush stava sfiorando pericolosamente le tensioni interne al governo israeliano, e "Condi" glielo ha fatto capire. (11 Gennaio / La Repubblica.it).

"L'Iran è una minaccia per la pace del mondo La comunità internazionale deve cooperare. Gli Usa invece continueranno a mantenere la pressione". (9 gennaio 2008 / Repubblica.it) .

Il presidente Usa ha aggiunto che «bisogna fare tutto quanto è in nostro potere affinché nel 2008 si possa registrare un grande progresso». Anche perché, ha spiegato, un successo a lungo termine in Iraq è di vitale importanza per la stabilità di tutto il Medio Oriente. Secondo il leader della Casa Bianca, Al Qaeda «ha subito colpi duri in Iraq» negli ultimi mesi. Ma non bisogna «abbassare la guardia per non perdere i successi conquistati sul campo». (12 gennaio 2008 / Republlica.it).

"In Iraq sta tornando la speranza". (George Bush sulla situazione irachena / Repubblica.it). ?!?!?!?!?!?!?

Nucleare francese agli Emirati - E Sarkozy annuncia contratti per 40 miliardi di euro in Arabia Saudita. Inedita alleanza tra areva, Suez e Total per fornire ad Abu Dahbi due reattori a scopi civili. (15 Gennaio 2008 / Il Sole 24 Ore).

"Teheran finanzia i terroristi, danneggia la pace in Libano, minaccia i Paesi vicini, invia armi ai Taliban, sfida le Nazioni Unite e destabilizza l'intera regione rifiutando l'apertura sul suo programma nucleare. Azioni che minacciano la sicurezza delle nazioni ovunque e dimostrano che l'Iran è il maggior patrocinatore del terrorismo". (Bush sull'Iran / 13 gennaio 2008).

"Il vostro governo è una minaccia ma voi, popolo iraniano, non siete così. Vi auguro più democrazia, più libertà, più apertura alla comunità internazionale. Voi iraniani non avete migliori amici che gli Stati Uniti d'America". (Bush sull'Iran / 13 Gennaio 2008).

"Noi siamo vostri amici e ci auguriamo che diventiate presto uno Stato democratico. La libertà è il vostro diritto, il vostro obiettivo, la meta finale. Che Dio vi benedica". (Bush sull'Iran).

"Questi toni, dal capo della più grande potenza del mondo, non li trovo utili e inutilmente allarmanti". (Massimo D'Alema ministro degli Esteri a Che Tempo Che Fa).

"Nel golfo davanti all'Iran ci sono ben 2 portaerei americane di stazza, avete in mente un campo da calcio, bene ecco una portaerei è grande due volte... ebbene si legge che queste portaerei siano state attaccate, ma se si va a leggere bene gli iraniani erano su 4 gommoni e sono andati lì davanti e li hanno detto adesso vi attacchiamo, avete presenti quanto sono grandi ecco, ditemi voi come è possibile che 2 portaerei americane si possano sentire minacciate da dei gommoni che dicono adesso vi attacchiamo?!? è come andare da Tyson e dirgli "adesso ti spacco la faccia"!!! (Il mio buon prof. d'Economia).

"Si vocifera che l'Iraq sia stato attaccato perché Saddam iniziasse a usare Euro più che Dollaro" (Il mio buon prof. d'Economia).

Nessun commento: