O L E R O N

O L E R O N

DAL 27 DICEMBRE E' DISPONIBILE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SUL NOSTRO NUOVO CANALE VIMEO, IL NOSTRO ULTIMO LAVORO, UN LUNGOMETRAGGIO INTITOLATO O L E R O N, TRATTO DA UN RACCONTO DI STEFANO BENNI.
GUARDATE, CONDIVIDETE, COMMENTATE E VISITATE IL NOSTRO CANALE.

Argomenti:

mercoledì 2 luglio 2008

Ingrid Betancourt è libera!!!

Ingrid Betancourt è libera. Il suo stato di salute è 'ragionevolemente buono', parole del ministro della Difesa colombiana, che ha annunciato al mondo il successo del blitz militare e di intelligence che ha portato alla fine della prigionia per l'ex candidata presidenziale. Operazione 'Jaque'; è stata denominata così l'operazione speciale che passerà alla storia. Con Ingrid Betancourt sono state liberate altre quattordici persone: undici colombiani e tre contractors statunitensi, che erano stati catturati nel 2003. Finisce così l'incubo della candidata presidenziale, durato sei lunghi anni. Un tunnel che sembrava destinato a un finale lugubre, per le precarie condizioni di salute che venivano descritte dagli ostaggi liberati negli ultimi mesi dopo la mediazione venezuelana. Mentre scriviamo non sappiamo ancora quale sia stata la dinamica del blitz, con che mezzi sia stato portato a termine, se sia stato 'assessorato' dall'intelligence statunitense, come appare probabile.
Ingrid Betancourt e gli altri ostaggi sono stati trasferiti immediatamente in una base militare a 190 chilometri da Bogotà.
Perchè è stata rapita?
Dal 1964 ad oggi il governo colombiano combatte contro gruppi di ispirazione marxista e socialista tra cui le Forze Armate Rivoluzionarie Colombiane (Farc) che contano 20.000 uomini e l’Esercito di Liberazione Nazionale (Eln) con 3.500 unità per il controllo del paese.
E’ importante ricordare come alla fine del 2003 il governo degli Stati Uniti abbia stanziato 2 miliardi di dollari in armamenti per la lotta ai ribelli delle Farc e inviato un contingente di 400 uomini per addestrare l’esercito governativo e le forze paramilitari.
Il conflitto fino ad oggi ha provocato 300000 morti circa.
Ingrid Bétancurt è stata rapita dalle Farc il 23 febbraio 2002.
Nel 1998 è eletta senatrice, e le sue battaglie contro politici corrotti e narcotrafficanti diventano sempre più incalzanti. Tanto da subire minacce e attentati. Decide allora di rendere pubblica la sua lotta in tutto il mondo. Nel 2001 pubblica il libro «Forse mi uccideranno domani», tradotto tra l'altro in francese, inglese, italiano e persino in giapponese, ed edito in Italia dalla Sonzogno. Nel 2002, la svolta politica: Betancourt fonda il partito «Ossigeno Verde» e si candida alle presidenziali di maggio, ma viene rapita ad un posto di blocco su una strada.

Se avremo altre notizie, vi avvertiremo.
PEACE AND LOVE

Oh!Rizzonti!

Nessun commento: