mercoledì 6 agosto 2008

6 agosto 1945 - Fu un esperimento


Il 6 agosto del 1945, ovvero 63 anni fa, un bombardiere Americano b29, chiamato "Enola Gay", sganciò una bomba atomica, la prima della storia, sulla città giapponese di Hiroshima.
L'esplosione causò quasi 80.000 morti sul colpo, senza poi contare le migliaia e migliaia morti anche a distanza di anni dopo a causa delle radiazioni.
Leggiamo sui libri di storia che questo attacco servì per porre fine alla seconda guerra mondiale, per convincere il Giappone alla resa, ma se teniamo conto che il Giappone già da mesi prima dell'entrata in guerra era sotto embargo e quindi con pochissimo petrolio e altre risorse, se teniamo conto che la guerra era praticamente finita, i Giapponesi erano ormai sconfitti, i bombardieri Americani bombardavano il Giappone ripetutamente, e se teniamo conto anche del fato che gli Americani avevano già pronto un piano di invasione via terra, l'unica conclusione possibile era che la distruzione di una città causata da una bomba atomica fu solo un esperimento per vedere gli effetti di quella nuova arma. Molti diranno " meglio così.. se avessero invaso il giappone chissa quanti morti ancora.." già... perchè 80.000 morti sul colpo sono pochi.. senza contare che 3 giorni dopo, il 9 agosto, successe la stessa cosa alla città di Nagasaki.

E pensare che queste cose dovrebbero farci pensare sul fatto che le guerre e la violenza in generale è sbagliata.
Ma forse i potenti del mondo non vogliono provare a sperimentare la PACE.
Oh!Rizzonti!

1 commento:

Mone ha detto...

Bravo dado..
Complimenti per l'articolo..
Ma Arminio??? che fine ha fatto???
spero stia bene...