venerdì 10 luglio 2009

Afghanistan: schiacciata da un pacco di volantini..


Una storia veramente triste e disperata, quasi grottesca... ci sarebbe da dire " se non sono le bombe..."
Afghanistan, Lashkargah
Maryam ha 5 anni.
E' nata a Taywara, nella provincia centrale di Ghowr. Ma poi la sua famiglia, nella speranza di fuggire dalla miseria, è emigrata nella provincia meridionale di Helmand, finendo a vivere nel campo profughi di Mahajor, alle porte di Lashkargah.
La casa di Maryam è una baracca, dove abita assieme ai suoi genitori, Mohammed Tahir e Qamar Gull, al nonno, allo zio, ai suoi quattro fratelli e alle sue due sorelle. Alle tre di mattina del 27 giugno, tutti sono stati svegliati dalle urla della piccola Maryam, schiacciata sotto uno scatolone da venti chili pieno di volantini informativi delle forze di occupazione Nato, lanciato da tremila piedi di altezza. Normalmente questi contenitori si aprono durante la caduta lasciando piovere il loro contenuto. Ma questa scatola, evidentemente, era difettosa.
Verso le cinque di mattina, Maryam, accompagnata dal padre, è arrivata nell' ospedale di Emergency, a Lashkargah.
"Era in stato di shock, con un trauma da schiacciamento della regione addominale e una vastissima ferita dei tessuti molli di tutta l'area genitale", riferiscono fonti mediche dell'ospedale di Emergency. Immediatamente assistita e operata, le hanno trovato una grave frattura pelvica, vagina, retto e ano distrutti e danni all'uretra. "Viene operata di laparotomia, le viene fatta una colostomia (per defecare dalla pancia, ndr) e diverse trasfusioni visto che aveva perso moltissimo sangue. Oggi, tre giorni dopo, è stata riportata in sala operatoria per un'ulteriore pulizia delle ferite. Il 3 luglio dovrebbe subire un ulteriore intervento, e la storia credo si ripeterà per parecchi giorni a venire", aggiunge la fonte medica.
Maryam ha ripreso conoscenza il secondo giorno di degenza. Da allora brontola continuamente perché vuole l'acqua da bere.
Il suo viso è perennemente crucciato in una smorfia di rabbia. In effetti non è piacevole svegliarsi di botto alle 3 di mattina con un pacco da venti chili che ti piomba addosso e ti apre l'addome spaccandoti le ossa...
Quale futuro avrà questa bimba senza più organi genitali in un Paese come l'Afghanistan?
...E gli Oh!Rizzonti! augurano a Maryam una pronta guarigione, e sopratutto augurano di avere un forte coraggio per il futuro che l'aspetta!!!
FORZA MARYAM!!!

Nessun commento: