lunedì 29 ottobre 2007

Convegno Emergency 07 / 05

Domenica 16 Settembre

Eccoci amici del blog, che siamo arrivati alla fine del mio racconto con l'ultima giornata del Convegno Nazionale di Emergency. Oggi è Domenica e avrò dormito 4 ore si e no, comunque ho dormito bene, anche se nelle camerate c'è sempre chi russa o chi cade dai letti, è ormai la piccola maledizione, essendo delle brande qualcuno muovendosi nel sonno rischia di far cadere la branda e finire per terra con solito grande spavento. A me per fortuna non è ancora capitato.

Come già detto la mattinata parte con molta calma, mi prendo il solito caffè per sostenere l'ultima giornata che sarà dedicata maggiormente all'incontro con tutti i progetti di Emergency nel mondo. Si inizia con la tabella di marcia molto in ritardo ed ecco la sintesi:

  • Iraq. (Con Rossella Miccio e collegamento con Hawar Moustafa);
  • Nicarauga. (Con Pietro Parrino e Raul Pantaleo);
  • Sri Lanka. (Con Pietro Parrino);
  • Sierra. (Con Rossella Miccio e Luca Livio);
  • Sudan. (Con Rossella Miccio, Gina Portella e Mimmo Risica e collegamento con Claudio Miglietta);
  • Emergency Italia - Poliambulatorio di Palermo (Con Francesca Mercante e Antonio Romano).

Come avrete capito durante la mattinata si sono esposti i vari progetti nei vari paesi dove E. ha i propri centri e con i volontari che vi hanno partecipato attivamente a spiegarne l'andamento e il continuo lavoro che questi centri fanno principalmente in Iraq e poi con l'importantissimo centro di Sudan, a cui è dedicata la raccolta fondi denominata "Diritto al Cuore", E. e Gino Strada con questo centro si sono messi molto in gioco per creare questo centro nel centro dell'Africa per curare ben più di 7 nazioni circostanti, il video trasmesso ci da l'idea dell'importanza di questo centro unico al mondo e nell'Africa con l'intera struttura e apparecchiatura all'avanguardia. Non dimentichiamo il progetto di Emergency Italia con il Poliambulatorio di Palermo.

Finita per l'una in punto tutta questa presentazione facciamo l'ultimo pranzo nella caserma, per finire un saluto e ringraziamento allo staff che ha preparato tutte le camerate e che per 3 giorni ha preparato pranzo e cena. Ritorniamo alla realtà con un caffè e il progetto della nostra Referente del Gruppo Emergency della nostra scuola, la professoressa Pozzi che ci ha accompagnato e che salutiamo tantissimo per il suo continuo impegno nel Gruppo. Il suo progetto è al quanto diabolico: Regalare un peluche di Gorilla a Gino Strada e farne una fotografia del gruppo con lui, sempre che non scappi prima.

Il ritrovo è ancora nella Tensostruttura dove ospitiamo le delegazione ben nutrita di ben 6 ragazze con accompagnatori di Emergency Usa, l'iniziativa di Gino andata in porto durante il suo tour di conferenze negli Usa per portar la notizia di Emergency. Infine Gino dà il suo saluto a tutti i partecipanti a questa 3 giorni e rinnova il suo appello al finchè E. continui nella sua attività. Dopo le sue parole è l'ora delle risposte di Teresa Sarti, moglie e presidentessa di E. Purtroppo il piano della nostra Prof. fallisce perchè Gino poco dopo deve partire parte intanto Orvieto è allagata da un piccolo temporale. Ma la nostra Prof. si rifà regalando il puppazzetto a Teresa con cui facciamo una foto, che successivamente vi pubblicheremo.

Finisce col saluto a Teresa, il mio secondo convegno di E. Saluto tutti quelli che ho conosciuto giù a Orvieto: Michela, Stefano, Stefano e Francois con cui ci promettiamo di rimanere in contatto tramite e-mail e i nostri blog e sperando di poter creare progetti comuni. Alla fine rimane il vuoto intorno a noi e nel giro di mezz'ora non è rimasto quasi nessuno, mentre noi andiamo alle camerate a ritirare i nostri bagagli che sembrano aumentati di peso e correre direttamente a prendere il treno che ci riporterà nella nostra Milano e Brianza da Bere.

Ringrazio tutto il Gruppo Emergency della Scuola di Meda e tutti i volontari e partecipanti di questo Convegno di Emergency.

Arminio.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

AUGURI ,,,,BUON NATALE,,,,,,,,,BENITO,,,(BENITO)

Anonimo ha detto...

necessita di verificare:)