O L E R O N

O L E R O N

DAL 27 DICEMBRE E' DISPONIBILE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SUL NOSTRO NUOVO CANALE VIMEO, IL NOSTRO ULTIMO LAVORO, UN LUNGOMETRAGGIO INTITOLATO O L E R O N, TRATTO DA UN RACCONTO DI STEFANO BENNI.
GUARDATE, CONDIVIDETE, COMMENTATE E VISITATE IL NOSTRO CANALE.

Argomenti:

martedì 11 dicembre 2007

LE PROVE DI GUANTANAMO

Buongiorno amici del blog.. vi metto qua un interessante articolo di Peacereporter riguardante il caso di un prigioniero di Guantanamo, la tristemente famosa prigione per i terroristi o presunti.
Ci sarebbero le prove di torture su un prigioniero, che è anche di nazionalità Britannica.
Terroristi o no, torturare un essere umano è una cosa disumana.

Oh!Rizzonti!

Guantanamo, le prove della tortura
Avvocati di un prigioniero avrebbero le foto scattate da agenti Cia
Gli avvocati di un cittadino britannico detenuto a Guantanamo sostengono di avere la 'prova fotografica' che l'uomo è stato sottoposto a 'terribili torture'.
Mohammed Binyam, 27 anni, è accusato di terrorismo. Le autorità militari Usa vogliono processarlo di fronte a una commissione militare. Mentre la Gran Bretagna ha negoziato il rilascio di quattro detenuti britannici, gli Usa si rifiutano di rilasciare o estradare altri 4 cittadini del Regno Unito, tra cui appunto Mohammed Binyam.
Secondo gli avvocati, le prove della tortura consistono in un set di fotografie scattate dagli agenti della Cia, e che sarebbero venute in possesso dei legali di Reprieve, l'organizzazione che rappresenta Binyam.
Nelle foto verrebbero ritratti agenti della Cia ben identificati che sottopongono l'uomo a torture fisiche, infliggendogli ferite ai genitali. Binyam Mohammed è nato in Etiopia. E' stato arrestato all'aeroporto di Karachi nel 2002 mentre tornava nel Regno Unito dopo essere stato in Afghanistan e Pakistan. Ha trascorso 18 mesi in un carcere marocchino, prima di essere trasferito a Guantanamo. L'organizzazione Reprieve ha annunciato che avvierà un'azione legale contro gli agenti della Cia responsabili delle torture.

Nessun commento: