O L E R O N

O L E R O N

DAL 27 DICEMBRE E' DISPONIBILE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SUL NOSTRO NUOVO CANALE VIMEO, IL NOSTRO ULTIMO LAVORO, UN LUNGOMETRAGGIO INTITOLATO O L E R O N, TRATTO DA UN RACCONTO DI STEFANO BENNI.
GUARDATE, CONDIVIDETE, COMMENTATE E VISITATE IL NOSTRO CANALE.

Argomenti:

mercoledì 13 gennaio 2016

Quella Volta che David Bowie Salvò Linternet


Erano giorni vuoti e tristi per linternet, senza movimento, il solito www, nessuno più postava niente di nuovo, niente più bandiere francesi, niente più, solo allora che David Bowie ebbe l’idea più grande e bella che il suo cuore avesse mai partorito, essere eroi per un giorno, lo cantava lui, si diresse davanti al monitor, entrò nel suo account facebook, la password per chi volesse saperlo è ducabianco47, e scrisse il suo post più importante: “Oggi sono morto”, e così salvò dalla noia milioni e milioni, ma che dico milioni, milioni, di internauti dalla noia assoluta, ma soprattutto salvò linternet.
Ma per 20 intenauti minuti nessuno lo ascoltò:
Ma le alte cariche del Vaticano non stanno a guardare:
Imperdibile l'anatema di ciccio cucciolo Anti-Gender
Ma a tutto c'è un motivo:
Ah ecco mi sembrava strano...
Il parere all'esperto:

Il suo gesto ha risvegliato in politici del PD il ricordo dei tempi passati...
Ma nel PD non perdono tempo:




E' stato ancora lui?
Ma quanti bei ricordi:

O di quella volta che rischiò di essere risucchiato:

Lo richiedono indietro, come noi chiediamo di ridarci i Marò
Addio pikolo duce bianco:





Dubbi amletici:

Rimanerci proprio male:
Ricordando il suo amore per il cinema:
Il ricordo tedesco:
Ma non tutti potranno essere salvati:
Cosa comprare per commemorare?

Cosa non da poco:
E' comunque riuscito a mangiare il pandoro:
Qualcuno non c'è ancora arrivato:
Ma come cazzo si pronuncia:
Questi si che sò problemi.
Nella vita è riuscito a scampare a vere tragedie:
Un ricordo troppo SWAG:
Ma ora è davvero finita:
Santo subito:

Voglio concludere questo mio racconto con due piccole precisazioni doverose:
Perchè va bene tutto, ma non è che per essere dei miti bisogna morire.

Alla prossima puntata del peggio di internet ed altre cazzate.

Stay Bowie. Stay Shish.

Nessun commento: