O L E R O N

O L E R O N

DAL 27 DICEMBRE E' DISPONIBILE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE E SUL NOSTRO NUOVO CANALE VIMEO, IL NOSTRO ULTIMO LAVORO, UN LUNGOMETRAGGIO INTITOLATO O L E R O N, TRATTO DA UN RACCONTO DI STEFANO BENNI.
GUARDATE, CONDIVIDETE, COMMENTATE E VISITATE IL NOSTRO CANALE.

Argomenti:

giovedì 15 ottobre 2015

Once Upon a Time in Palmira

Palmyra, Syria 2010 318

Riciclando il titolo di un capolavoro del cinema, c’era una volta in Palmira, vi parliamo della zona archeologica contenente tutti i resti dell’antica città, è agli onori delle cronache non perchè Patrimonio dell’Umanità (UNESCO), non per qualche antico muro caduto per l’incuria, ma per qualcosa di più grave, la zona archeologica è situato in Siria, una stato che da 4 anni sopravvive ad una guerra civile, in data 21 maggio di quest’anno l’offensiva delle truppe dello Stato Islamico (Isis) ha costretto la ritirata dell’esercito siriano e con se l’abbandono della zona e dei civili.
Da allora le notizie sono sempre negative, i miliziani islamisti come hanno già precedentemente fatto nelle conquiste di altre città in Siria e in Iraq non hanno risparmiato i preziosi reperti archeologici, devastando i siti e i musei, solo per una stupida idea, che tutte le divinità rappresentate che siano antiche o moderne appartengono al diavolo e devono essere distrutte, per questo Palmira è in continuo stato di demolizione; Nella lista demolizione sono finite tutte le opere d’arte presenti nel museo, gli antichi templi e via dicendo, non viene risparmiato l’antico teatro in cui vengono eseguite sentenze di morte con la popolazione costretta ad assistere, ultima l'uccisione barbara nei confronti di Khaled Asaad, ex direttore e custode di quei beni per ben 50 anni, colpevole di aver nascosto centinaia di statue prima dell’arrivo degli integralisti islamici.
Non sono qui a piangere un sito archeologico di importanza mondiale distrutto, ma voglio mostralo come esempio del popolo siriano che assomiglia a Palmira, tutti preoccupati ma in fondo abbandonati al loro triste destino, la distruzione di questo sito è la netta cancellazione della storia del passato di un grande popolo che ormai è in diaspora dalla propria terra in fuga verso la pace, mentre per chi rimane la situazione è ben peggiore, la scelta di vivere sotto il regime di Assad o sotto quello islamico, a dir poco migliore la prima scelta.
Ricordiamo come fu Palmira e di come non lo è più, tramite il reportage di Tiberio Frascari, che ci racconta che queste foto le scattò nel dicembre 2010, dove si accorse che qualcosa avrebbe sconvolto il paese, e da li a poco sarebbe appunto successo.
Buona visione.

348 Palmyra (Syria) 343 Palmyra (Syria) Syria, Palmyra Syria, Palmira Syria - Palmyra


The temple of Baalshamin in Palmyra (Syria) before its destruction in August 2015 346 340 Palmyra (Syria) DSC_1915 Palmyra's theater (Syria) 328 Palmyra's theater (Syria) Palmyra's theater. Syria 332 DSC_1893 Palmira (Syria) Palmyra, Syria 2011 302-2 Palmyra, Syria 2011 301 Syria, Palmyra, dic.2010 287 283 Palmyra (Syria) Syria,  Palmyra, 266 DSC_1819 Palmyra (Syria) Palmyra, Syria 274

Tiberio Frascari, bolognese e gran appassionato di fotografia, se volete vedere ulteriori immagini visitate l'album Palmyra (Syria), inoltre potete visitare la sua pagina di Flickr!

Un grazie ancora a Tiberio per averci permesso l'utilizzo del suo materiale.

Nessun commento: